Oscar, perché non ci fingiamo giovani per un attimo? | 28 Luglio

Oscar, perché non ci fingiamo giovani per un attimo? | 28 Luglio

Apri la lettera precedente

28 Luglio

Caro Oscar,
questa volta il sole dell’estate ha fatto un nuovo giro e siamo di nuovo a Luglio, ma molto molto vicini ad Agosto. Sarà così che si conclude il passeggio di questa rondine che ci collega?

Ho visto un film recentemente – ero seduta per terra in piazza, faceva tanto caldo ed ero, per qualche strana ragione, molto felice e presente a me stessa – in cui uno studioso prendeva parola in un programma televisivo dicendo “ci sono molti modi di creare collegamenti tra le persone”. Inevitabilmente mi sono chiesta quale fosse il nostro, di modo, e se fosse quello giusto soprattutto, sempre fermo restando che la giustizia in queste cose non è un concetto puro ma è soprattutto molto difficile da maneggiare.

Allora, la conclusione non esiste ma ti consegno il ragionamento: noi ci scriviamo lettere e non parliamo mai davvero, perché il canale di comunicazione è quello che hai scelto tu e a cui io mi sono arresa come spesso mi succede quando mi sento un po’ pigra; dunque perché invece non ci fingiamo giovani per un attimo?

Ti scrivo da un posto che non chiamo più “casa” da un bel po’, perché come ben sai per me “casa” è un’altra cosa, e per te spesso è un aeroporto o una stazione. Ma non posso fare a meno di pensare che un corridoio ci ha divisi per delle ore e che io, invece, vorrei proprio fare un viaggio in cui arrangiarmi a parlare un pessimo inglese in una terra che non conosco, guardarti nel sole mentre mi indichi un qualche monumento di cui non conosco la storia, addormentarmi con te in un letto singolo rischiando e fare molti chilometri con gli zaini in spalla sentendomi dire che sono assai lenta.

Fingiamo di essere ancora giovani quanto siamo in effetti, lasciamo tutto e seguiamoci, senza seguire un’idea di noi insieme, ma seguendo un’idea di noi, presi singolarmente, come individui completi e messi al mondo per essere felici. Indossa il tuo sorriso migliore e incontrami almeno questa volta, per la prima volta.

A presto, più di quanto pensi

Leave a Comment