Caro pianeta distante | Lettere mai spedite
Permalink

Caro pianeta distante | Lettere mai spedite

Caro pianeta distante,non ne posso più di scriverti. Ho pensato a come ti saresti sentito con una lettera vuota tra le mani, avrei voluto simulare il silenzio per iscritto; il torto del silenzio e la colpa del silenzio, quel silenzio che ti devo perché tu ne abbia abbastanza – dove con…

Continue Reading →

Ai cari limiti e alle minacce | Lettere mai spedite
Permalink

Ai cari limiti e alle minacce | Lettere mai spedite

Ti vorrei dire tante cose e non so dirti niente. Scorrono scuole, supermercati, mercerie, baretti con i neon dello scorso secolo, scorrono tutti contro la mia guancia, quando mi appoggio per l’ennesima volta a questa finestra. Correndo sempre il rischio di insultarti, in questo momento che di felice ha poche…

Continue Reading →

Cara bambina, di ciò che devo ancora scrivere | Lettere mai spedite
Permalink

Cara bambina, di ciò che devo ancora scrivere | Lettere mai spedite

Cara bambina mia,è venuto più e più volte il temporale su questo stagno, quello che desideravi tu perché volevi finisse l’estate. Io, invece, ho avuto le nausee, gli incubi e soprattutto gli scrupoli. Sai quando il temporale è un conforto? Quando stai così male che hai bisogno di caldo, ed…

Continue Reading →

Una giornata al Sofàr Festival!
Permalink

Una giornata al Sofàr Festival!

Cari comodini,  come sapete noi di Comò Mag. siamo abituati ai salotti, al suo arredamento, alle chiacchere con le belle persone di cui ci piace raccontare le storie tra le pagine del magazine, come se fossimo seduti a conversare su comode poltroncine colori pastello.  Non potevamo dunque non stare comodi al Sofàr Festival,…

Continue Reading →

“Caro amore mio, al riparo dal tuo sole” | Lettere mai spedite
Permalink

“Caro amore mio, al riparo dal tuo sole” | Lettere mai spedite

Caro amore mio, ti ricordi quando ti dicevo che non sono mai stata brava con la matematica? La fortuna è sempre stata avere te a contare i giorni e a fermare il tempo quando il tempo andava fermato. Nella mia testa i numeri da mescolare attraverso le operazioni sono una…

Continue Reading →

“Caro Mauro, di quanto non mi sento” | Lettere mai spedite
Permalink

“Caro Mauro, di quanto non mi sento” | Lettere mai spedite

Caro Mauro, mi hanno riferito che hai chiesto se domani avrei potuto riceverti o se, in alternativa, stanotte, come le notti di quando eravamo giovani, avrei potuto chiamarti appena rientrata a casa. Non ci ho pensato tanto, né al tempo né all’opzione più vicina al fattibile. Ho pensato a me,…

Continue Reading →

“Caro maestro d’improvvisazione, non più pagine bianche” | Lettere mai spedite
Permalink

“Caro maestro d’improvvisazione, non più pagine bianche” | Lettere mai spedite

Caro maestro d’improvvisazione, le sorprese arrivano anche per chi è solito crearle, le risate arrivano anche nei camerini dei pagliacci, e la fine anche nelle vite di chi ne decanta la necessità assoluta. D’altronde non si sfugge a nessuna cosa che sia inesorabile per definizione; io, ad esempio, ho sempre…

Continue Reading →