Mia cara, tu da sola e quello che resta | Lettere mai spedite
Permalink

Mia cara, tu da sola e quello che resta | Lettere mai spedite

Cara mia e poi non tanto, è quasi finita la settimana, febbraio e l’inverno.  Il freddo sembra aver lasciato posto a quel che rimane della neve sciolta: acqua sporca. I grandi spettacoli si consumano e le giornate peggiori finiscono come quelle più gradevoli, non si può applaudire lungo tutto il…

Continue Reading →

Caro aeroplano di carta | Lettere mai spedite
Permalink

Caro aeroplano di carta | Lettere mai spedite

Caro aeroplano di carta, divinità di veline, colori a pastello e fogli stropicciati. Ti scrivo una lettera da un posto che oggi è molto lontano dal tuo “dove” – per fortuna direi, perché non solo averti qui sarebbe difficile, ma anche perché, tutto sommato, la vita a volte ci ricompensa…

Continue Reading →

Poesie di un ragazzo strano | Solitudine
Permalink

Poesie di un ragazzo strano | Solitudine

Volano i gabbiani, corrono le zebre, due piccoli serpenti, un’aquila reale, il gatto, il topo e l’elefante, non manca più nessuno, solo non si vedono i nostri contorni. Non ci parliamo, andiamo avanti a versi e smorfie. Amorfi e diversi. Facciamo sesso ma poi rinneghiamo i nostri errori. Siamo soli…

Continue Reading →

Caro errore, eri uguale a me | Lettere mai spedite
Permalink

Caro errore, eri uguale a me | Lettere mai spedite

Caro Errore, ti ho chiamato così per anni, come la “Catastrofe” de “Le luci della centrale elettrica” e come le cose che ci insegnano – o dovrebbero insegnarci – a stare per bene al mondo. Da un po’ di tempo mi chiedo come stai e prima di mettermi a scrivere…

Continue Reading →

In eredità vorrei il futuro #poesieperstarebene
Permalink

In eredità vorrei il futuro #poesieperstarebene

Cari comodini, non ho intenzione di fare bilanci del 2017 o di stilare una lista di buoni propositi per il nuovo anno, ci si ripete sempre e credo che gli obiettivi sia meglio averli ben fissi in testa piuttosto che su un pezzo di carta (versione vintage) o in una…

Continue Reading →

La fermata fantasma del 38 | Lettere mai spedite
Permalink

La fermata fantasma del 38 | Lettere mai spedite

Cara Chiara, come stai? È quasi natale e scriverti mi sembrava il minimo. Ho saputo che ti sei laureata con un voto eccellente – così dicono le voci del mio corridoio – che adesso stai per trasferirti a Venezia per studiare arte, prendere in affitto un monolocale di quelli con…

Continue Reading →

Poesie di un ragazzo strano | Distrazioni
Permalink

Poesie di un ragazzo strano | Distrazioni

Capita spesso di posare gli occhi su bambini felici, posti incompresi, sogni incompiuti. Nonostante tutto possa essere inatteso, a volte, non lo è: ti perdi nel velluto, nel morbido concreto, ancora una volta, e sorridi di nascosto. Distrazioni Due mani e un cielo vino rosso il tuo seno Quattro mani…

Continue Reading →