Comò Map | Fotografia Europea oltre il circuito Off-iciale

Comò Map | Fotografia Europea oltre il circuito Off-iciale

Cari Comodini, manca sempre meno a Fotografia Europea 2018 e noi abbiamo una sorpresa per voi!

Vi abbiamo immaginato girovagare nel frenetico via vai di Fotografia Europea, incerti su dove fermarvi per una pausa o su quale mostra visitare. Così abbiamo pensato: perché non creare una mappa di luoghi per noi imperdibili del centro Reggio, da consigliare a chi viene in città per questo evento?
Ecco come è nata l’idea di Comò Map. Non vi resta che esplorare le strade di Reggio da veri Comodini.

La nostra Comò Map potete trovarla in versione cartacea presso: Vicolo Folletto Comò Space; Atelier ViaDueGobbiTre; Erre nel Bosco; Domestica Shop; Pipocas; Le Sementi; Il Chioschetto.

Comò Map

Ma non è finita qui! Abbiamo pensato proprio a tutto, ecco la versione online della Comò Map.

Se volete sapere qualcosa di più dei posti che abbiamo selezionato per voi continuate a leggere…

Where to Art

1 Vicolo Folletto Comò Space
Questa è casa nostra, uno spazio intimo e creativo che è cuore pulsante della redazione di Comò Mag. e fucina delle idee di Comò Lab. nonché sede di workshop e mostre. Qui raccogliamo le nostre idee, i progetti, tutta la fuffa e le cose belle. Proprio in occasione di Fotografia Europea 2018 lo space si colorerà di blu, con le opere metafisiche di Charlie Davoli. La sua personale, Retrospettive del domani, non può che essere la primissima tappa del vostro giro a Reggio. Comò vi aspetta!
Corso Garibaldi, 1 (cortile interno).

2  Atelier ViaDueGobbiTre
Questo antico palazzo nel centro di Reggio celebra quest’anno il decennale di collaborazione con Fotografia Europea. Un labirinto artistico in cui si confondono residenze e spazi espositivi, dove incrociare artisti e fotografi. Con la sua ricca lista di eventi, letture e laboratori, ViaDueGobbiTre è un must per i visitatori di Fotografia Europea. Anche per questa edizione il ballatoio centrale vedrà presente la Collettiva di Igers e Creativi che, per Comò Mag., daranno vita ad una Rivoluzione dai Toni Pastello. Portate i colori e qualche pensiero ribelle!
Via dei Due Gobbi, 3.

3 Vicolo Folletto Gallery
Vicolo Folletto Gallery è uno spazio particolare, una galleria insolita, perché ospita opere che solitamente in galleria non stanno. Ma è proprio questo il bello di una delle tappe imperdibili del Circuito OFF di Fotografia Europea. Per l’edizione 2018 ospita la mostra Crossing di Alex Fakso, writer e street-photographer. Con le sue opere concettuali e le sue installazioni, Fakso si inserisce alla perfezione nel filone della street-art, che Vicolo Folletto Gallery sta percorrendo già da tempo. Rivoluzionario? La risposta è sì!
Vicolo Folletto, 1.

4 Tigre Contro Tigre
Appena nato ma già su una buonissima strada, questo laboratorio creativo fondato dalle mitiche Elisa e Angelica è il luogo perfetto dove sbizzarrirvi. Oltre ai numerosi workshop che qui vengono ospitati, Le Tigri realizzano bellissimi ritratti e illustrazioni su commissione. All’interno troverete anche un piccolo corner-shop con tutte le loro creazioni: noi non abbiamo saputo resistere alla shopper con il mega raviolo Gyoza disegnato sopra. In occasione di Fotografia Europea ospiteranno la mostra fotografica di Martina Baschieri. Fateci un salto!
Via Guasco, 2/E.

Where to Eat

5 Marta in Cucina
Menu della tradizione (però mia nonna non lo deve sapere). Cucina in questo ristorante è sinonimo di sperimentazione e ricercatezza: Marta e Ivan vi faranno assaporare il ricordo della tradizione ma in maniera innovativa. Un po’ come se si volesse rispettare il ricettario di famiglia, ma aggiungendo qualcosa di nuovo. Marta è la rockstar di questa cucina che, non a caso, porta il suo nome.
Vicolo Folletto, 1/C.

6 Casa delle Sementi
Nascosto all’ombra del Museo del Tricolore c’è un posticino particolare. Una caffetteria? Un negozio di fiori? Un locale tranquillo dove poter mangiare o bere qualcosa? Beh, Casa delle Sementi è tutto questo. La loro brasserie è inconfondibile: fiori freschi sui tavoli ogni giorno, la cucina a vista e il laboratorio floreale sul retro lo rendono una piccola meraviglia nel cuore di Reggio. Per non parlare dello stile delle sementi women, super hype!
Via Arcipretura, 4/A.

7 Interno TRE
Tre come Ilaria, Marco e Filippo. Giovanissimi hanno aperto a Reggio un ristorantino che valorizza i piccoli dettagli e combina l’atmosfera retrò a piatti coloratissimi e innovativi. Come il menù, anche l’interno si rinnova stagionalmente, ospitando le opere di artisti da ogni dove. Questo piccolo bistrot veg. non si fa trovare facilmente, ma chi trova Interno TRE trova senz’altro un tesoro.
Via Blasmatorti, 1/C.

Where to Shop

Le Petit Bohemien
A pochi passi da Piazza Prampolini c’è un negozietto che sa di Francia, tempera fresca e lotta coi cuscini. Quello costruito da Alessandra è un mondo fatto su misura per piccoli creativi ma anche per tutti quelli che vogliono rivivere un momento magico come quello dell’infanzia. Noi i trasferelli li abbiamo già comprati, e voi?
Via Croce Bianca, 1/Q.

Coralli e Renne
Avete sempre pensato che una testa di renna sarebbe perfetta per il muro del vostro salotto, ma siete animalisti convinti e proprio non potete realizzare questo desiderio? Tranquilli, ci pensano Corrado e sua moglie Manuela di Coralli e Renne a trovare l’arredamento giusto che unisce l’eleganza del vintage con l’originalità degli oggetti stravaganti. E a proposito delle teste da muro? Non temete: ve ne fabbricheranno una in tessuto, 100% animal friendly!
Via Squadroni, 1/B.

1Pipocas
Tutte le volte che tocchiamo un capo vintage non possiamo fare a meno che ripensare alla sua storia. È come quando si incontra qualcuno per la prima volta: lo studiamo, lo conosciamo e alla fine capiamo se è fatto apposta per noi. Possiamo vivere la magia di questi incontri nel negozio di Carole che, dopo aver girovagato per i market di tutt’Italia, ha scelto Reggio come casa per Pipocas in cui vendere la sua selezione di capi vintage da urlo.
Via del Cristo, 1/B.

11 Domestica Shop
Entrare da Domestica è come varcare la soglia di un negozio danese. L’inconfondibile atmosfera hygge si ritrova nei piatti decorati, nelle candele profumate e in tutti quegli oggetti che Eleonora & Eleonora amano chiamare “generi di conforto”. Avvertenze: crea dipendenza. Si prega di non svaligiare il negozio!
Piazza Fontanesi, 4.

12 Erre nel Bosco
All’ombra dei tigli di Piazza Fontanesi c’è una piccola vetrina che dà su un bosco. Collezionisti di cose inutili ma preziose, Francesco e Ilaria di Erre nel Bosco raccolgono nel loro spazio piccole stranezze che coniugano la passione per la natura e la creatività. Se da piccoli avete sempre sognato di costruire una casa sull’albero, questo è il posto che fa per voi.
Piazza Fontanesi, 6.

Where to Buy a Book

13 I Libri Risorti
Dietro la porta color magenta di questa libreria si respira un profumo tanto caro a noi lettori: quello delle pagine già sfogliate. Qui i libri sono piccole rarità di seconda mano scovati dal fiuto sapiente di Giovanni e Raffaella. Luci soffuse, fiori freschi e un sorriso sincero vi renderanno difficile non varcare la soglia de I Libri Risorti. Quindi non esitate! Come dice il buon vecchio Bob Dylan “Don’t think twice, It’s all right”.
Via Migliorati, 8/B.

14 Il Semaforo Blu
Una volta Gianni Rodari raccontava di un semaforo che a Milano si era improvvisamente tinto di blu, dando il via libera a ciascuno per imparare a volare. Solo pochi però erano stati abbastanza coraggiosi da buttarsi nell’impresa, abbandonando la vita frenetica di tutti i giorni. Fatelo anche voi, siate coraggiosi! Seguite il semaforo che, sulla via Emilia, ha tutte le luci accese di blu! Il Semaforo Blu nasce come libreria specializzata per bambini e ragazzi, ma è soprattutto spazio aperto a laboratori, dove ogni attività è bella perché creativa, espressiva e fatta insieme.
Via Emilia Santo Stefano, 62.

Where to Drink

15 Rookie
Non chiamateli paninari! Non stiamo parlando della sottocultura anni ’80, ma del loro piatto forte, che tutto è fuorché un semplice panino. I teneri vizi ad alto contenuto gourmet  dei ragazzi del Rookie infatti sono una vera leccornia, perfettamente abbinata agli originali liquidi piaceri. Non temete, chiedete pure consiglio ai baristi! Sapranno consigliare il match perfetto per voi.
Piazza Fontanesi, 1/F.

16 Jigger
Un’atmosfera un po’ buia, misurini e dosatori sparsi sul bancone e il nome spiriti sull’insegna: non vi stiamo portando nel laboratorio di un alchimista, ma da Jigger, tappa imperdibile nel weekend reggiano specialmente il venerdì sera. Davanti agli scaffali di legno stracolmi di liquori, vi stupiranno con la loro maestria i bar tender più cool della città e l’ottima selezione di cocktail ricercatissimi (e premiatissimi!). Inoltre lo chef Francesco sarà pronto a creare il perfetto abbinamento culinario al vostro drink.
Via S. Carlo, 10.

17 Sospeso Cafè
Avvolto da una grande nicchia nel sottoportico del vescovado, Sospeso è la meta perfetta all’ora dell’aperitivo nella centralissima Piazza Prampolini. La ristrutturazione per mano di Gianluca e suo fratello ha saputo creare un ambiente urban ricercato, che calza a pennello con il suo contorno antico. Incontrerete senz’altro i due giovani proprietari che, con una battuta, sapranno consigliarvi un’ottimo drink. Con la loro selezione di alcolici particolari (standig-ovation per il packaging) la serata è già in discesa!
Piazza Prampolini, 4/C.

18 Bottiglieria San Giovanni
In via Palazzolo, seguendo le lucine bianche, vi troverete davanti il piccolo scorcio della Bottiglieria San Giovanni: un’enoteca gastronomica che mostra il suo fascino già dalle vetrate che affacciano sull’esterno. Una volta entrati il Vinz vi farà sentire come a casa, accompagnandovi dall’aperitivo – con un calice e qualche assaggio homemade – alla cena sotto il gioco di luce di lampade antiquate con il suo fare ospitale da vero oste.
Via Palazzolo, 10/C.

19 Il Chioschetto
Dal 1983 il Chioschetto profuma con l’aroma del caffè i Giardini Pubblici di Reggio Emilia. Proprio dietro il Teatro Municipale Valli, il Chiosco è una meta perfetta per chi vuole prendersi una pausa all’ombra degli alberi e bersi un caffè leggendo il giornale. Adattissimo a chi vuole portare a giocare i figli e i fratellini al parco sapendo di poter contare su una buona merenda. Se capitate in pausa pranzo ordinate a Jean Paul un toast, c’è anche la versione veg!
Parco del Popolo.

Leave a Comment