Intervista ad Ale Giorgini | Pigiama Party

Intervista ad Ale Giorgini | Pigiama Party

Quando ho iniziato ad interessarmi seriamente al disegno l’ho fatto grazie ad alcuni punti di riferimento che sono stati essenziali per me. Ale Giorgini è uno di questi. Guardando il suo lavoro e i suo disegni dal tratto pulito, colorato e grafico, ho capito la potenza dell’illustrazione.

L’ho invitato alla mia festa e lui ha accettato presentandosi con un pigiama molto bello:

Cosa c’è nel tuo cassetto?

Un paio di matite un quaderno il telecomando della tv un cappello un pacchetto di fazzoletti.

Questo è un Pigiama Party a tema cosa vorresti indossare?

E’ l’occasione giusta per sfoggiare il mio pigiama con texture di cagnolini.

 

Puoi portare un accompagnatore/accompagnatrice chi ci fai conoscere?

Spero siano ammessi i cani perchè porto Betty, la mia cagnolina. Adora i pigiama party.

Il tuo è un mestriere creativo stimolante ma a volte non facile. Stasera al nostro Pigiama Party puoi sfogarti un po’ Quali sono le cose che ti fanno più arrabbiare del tuo lavoro? E cosa fai nei momenti di sconforto?

Mi infastidisce chi pensa che il mio non sia un lavoro. Quando sono giù mi metto a disegnare e passa tutto.

 

Ci confidi una cosa un po’ imbarazzante di te? Promettiamo di non ridere! Parola di Comò.

Non so disegnare.

Il momento cinema è arrivato: cuscinoni per terra caramelle e patatine. Cosa guardiamo?

Direi una maratona dei miei film preferiti: i Goonies, Ghostbusters, Ritorno al Futuro, Star Wars.

Non siamo ancora stanchi! Saltiamo un po’ sul letto a tempo di musica: che disco ci consigli?

Uno qualsiasi di David Bowie.

Mezzanotte è passata da un pezzo e ci accoccoliamo tutti vicini pronti a leggere una storia…che lettura proponi?

Il Barone Rampante di Calvino.

Gli sbadigli dilagano e qualcuno dorme già. Ci dici chi ti piace? Chi è la tua più grande fonte di ispirazione?

L’ispirazione non esiste. Buonanotte.

Grazie Ale!

Leave a Comment