La Fille Bertha | Occhiali rosa

La Fille Bertha | Occhiali rosa

Alessandra Pulixi, in arte La Fille Bertha, è nell’elenco delle mie illustratrici preferite da un po’ di tempo, mi aveva colpito la forma della bocca del suo personaggio femminile, una bocca di geisha o un fiore rosso. Tra i mille impegni della sua agenda ha riposto anche a qualche domanda che custodiremo gelosamente nei cassetti del Comò!

occhiali-01

Ciao Alessandra, cosa c’è nel tuo cassetto?

Il mio cassetto è un mondo all’interno del quale ho condensato tutte le cose che mi hanno affascinato e che ho pensato valesse la pena esplorare. E’ un mondo aperto e fluido, nel quale possono approdare nuovi elementi funzionali al mio percorso. Mi piace pensare che questo cassetto sia come caratterizzato da tanti elementi che, a volte, possono restare silenti anche per sempre. A volte il cassetto è come un canto nostalgico, un’emozione per me funzionale alla ricerca o a uno stadio di distensione utile alla creazione o alla nascita di nuovi mondi.

Che storia c’è dietro al viso femminile divenuto la cifra del tuo stile?

Dietro i volti femminili cui dò vita, insieme agli altri elementi che compaiono nelle mie composizioni, vi è molto del flusso emozionale e di coscienza che compone le mie esperienze; a volte vi è un tema da rappresentare, altre il tema è più libero e fluido, come nei lavori personali. Mi piace anche molto l’idea che ognuno possa essere svincolato da una precisa attribuzione di storie e significati, e vivere sensazioni completamente diverse, le une dalle altre, nel vedere un mio disegno.

La Fille Bertha

 

La tua ultima collaborazione è con Carpisa, hai decorato un trolley con una tua creazione. Nella tua valigia cosa metti e per andare dove?

L’opera che ho creato in occasione della collaborazione con Carpisa, “Adorned,” va ad “animare” una valigia davvero funzionale anche per i miei viaggi, nei quali è certamente fondamentale portare sempre con me tanta carta, pennini, colori, il computer, dei libri, ma dove lascio anche tanto spazio libero per eventuali oggetti che si aggiungono durante i transiti: adesso sono in viaggio e ho comprato già dei libri, per esempio!
Andrei un po’ ovunque direi, dai posti selvaggi alle città, mi piacciono vari tipi di esperienze, ho bisogno del museo e della galleria, ma anche del mare e della campagna.

image

Il lato migliore del tuo carattere.

Difficile rispondere, mi piacerebbe chiederlo a qualcuno e rispondere poi. In alcuni momenti ciò che a volte è come un pregio, può diventare un difetto. Sono una persona molto riflessiva, a volte aiuta, altre meno. Io sono felice di esserlo ad ogni modo.

La casa di moda con cui vorresti collaborare.

Sono davvero tante, in realtà. Due su tutte Marni e Miu Miu.

Indossi degli occhiali rosa e come vedi il mondo?

Vedo il mondo come un viaggio nel quale sono felice di trovarmi e nel quale sono grata di essere. Lo vedo anche come qualcosa di estremamente complesso ed onnicomprensivo. Non possiedo una rappresentazione globale, in un certo senso è soprattutto ciò che posso solo immaginare o intuire.

La Fille Bertha

 

Quando hai compreso che “da grande” avresti fatto l’artista?

Da che ho memoria sono sempre stata sensibile ed affascinata dall’arte, intesa in senso generico, dalla letteratura alle arti visive. Sono laureata in psicologia ed ho studiato arte per tanti anni parallelamente al resto; un giorno, mentre ero in Erasmus, ancora studentessa, ho proprio sentito e deciso che avrei voluto vivere principalmente attraverso il mio percorso artistico. Penso che sia avvenuto tutto in un istante molto intenso, poi ho lavorato tanto e cercato di sfruttare al meglio ogni occasione, sono stata anche molto fortunata nel mio piccolo.

Ci consigli qualche donna in gamba che ammiri e segui con interesse.

Ci sono tantissime donne nel mondo dell’arte che io ammiro e di cui seguo con interesse gli sviluppi e gli studi. Ve ne consiglio tre diversissime per stile e ricerca, per me molto interessanti: Camilla Falsini, Alina Vergnano, Elenia Beretta, tutte italiane.

Grazie La Fille Bertha!

La Fille Bertha

 

Leave a Comment