Marta Biasi | Occhiali rosa

Marta Biasi | Occhiali rosa

Il mondo di Marta Biasi è colorato con gessetti di tonalità brillanti e scintilla perché illumina tutto camminando in calzini di lurex. Noi ragazzi del Comò ci siamo innamorati subito delle sue scritte che strappano un sorriso, che motivano la tua giornata così come della sua frangetta. A voi gli Occhiali rosa di oggi: determinati, ironici e scritti con il gesso!

Marta Biasi

Ciao Marta! È un grande piacere poter scambiare due chiacchiere con te. Ci diresti cosa c’è nel tuo cassetto?

Il mio cassetto si chiude a fatica ogni sera: è un totale caos colorato dove ripongo tutti i miei sogni, i miei progetti e cartoline di posti che voglio visitare!

Sei giovane, hai una carriera ben avviata, c’è qualcuno che senti di dover ringraziare?

Uberta Zambeletti: la sua tenacia, la sua determinazione e la sua ironia hanno totalmente sconvolto l’assetto della mia vita!

Hai un lavoro che ti permette di spaziare molto e utilizzare la tua più estrosa fantasia. Qual è la tecnica, il soggetto o altro che più ti fa impazzire di gioia?

Hai scritto la parola chiave che costella il mio universo: la GIOIA. Direi che questa è la tecnica che preferisco usare: sebbene sia un concetto astratto credo che senza gioia non possa esserci l’entusiasmo, che è lo strumento che permette di aprire infinite porte e possibilità. Parlando in termini più concreti: sono così felice di aver sperimentato con così tanti materiali e tecniche diversi che non riesco a scegliere il mio preferito! Senz’altro ciò che mi rappresenta di più sono le scritte sui marciapiedi fatte con i gessetti!

Marta Biasi

L’esperienza che più ha contribuito alla tua formazione.

I 6 mesi a Vancouver in Canada mi hanno fatto capire quanto sia importante l’intraprendenza. Al mio rientro in Italia ho trovato lavoro in un posto che sapeva di mondo: Wait and See a Milano, la proprietaria è Uberta. Lei faceva già le scritte con i gessetti sul marciapiede del negozio, al solo scopo di regalare gioia ai passanti. Un giorno chiese se a qualcuno dello staff andava di occuparsene: mii offrii io e a scritta finita Uberta era così entusiasta che mi disse: “D’ora in poi ogni scritta che farai dovrà essere ogni volta più bella dell’ultima che hai fatto”. Mi diede lo stimolo perfetto per me!

Marta Biasi

Indossi degli occhiali rosa e come vedi il mondo?

Pieno di energia positiva, tante strade da percorrere ed infinite possibilità. A volte mi fermo per pulire le lenti di questi occhiali, perché vedo ancora troppa poca alleanza tra donne, è un tema che mi sta a cuore!

Marta Biasi

“Run baby run” recita uno dei tuoi tatuaggini sui jeans Sisley. Tu a cosa corri incontro?

Penso che chi corre stia scappando da qualcosa: io fuggo per dimenticare più veloce che posso chi trova solo difetti e nessun pregio, chi non sa essere felice per le conquiste altrui, chi si sente in competizione solo con gli altri e per niente con se stesso, ma soprattutto scappo lontano da chi è nato senza una cosa fondamentale: l’ironia!

Marta Biasi

Ci consiglieresti qualche donna da seguire come musa ispiratrice?

Silvia Stella Osella del team Iluut: ambiziosa, determinata e raffinata. Clorophilla: ciò che crea ed il suo mondo non mi annoieranno mai! Martina Pron che produce la sua linea di gioielli “Holy Crap”, il suo senso estetico mi stende!

L’outfit con cui ti senti più a tuo agio.

Salopette con maglia a righe, calzini lurex e scarpe da distruggere in mille cose da fare!

Marta Biasi

I tuoi luoghi del cuore a Milano.

L’Orto Botanico di Brera, tuffarsi nelle occasioni di Humana Vintage, esplorare Wait and See, la libreria Hoepli, la biblioteca Sormani e la nazionale braidense.

Allora cosa aspettate? Indossate dei calzini lurex e siate gioiosi!

Seguite i progressi di questa ragazza sul suo profilo Instagram

Leave a Comment