Illustratore Italiano | Persone BELLE che fanno BELLE cose

Illustratore Italiano | Persone BELLE che fanno BELLE cose

Buon Lunedì di luglio a tutti!

L’estate si è scatenata, le cicale impazzano nei cespugli  ma noi non ci stanchiamo di andare a caccia di persone BELLE.
Oggi abbiamo il piacere di chiacchierare con ILIT, che non è una persona sola, bensì un covo di persone BELLE!
Illustratore Italiano è il primo magazine italiano dedicato all’illustrazione e al mestiere dell’illustratore in Italia.

Si rivolge ai professionisti, agli appassionati e a tutte le figure che collaborano e ruotano attorno al disegno: editori, grafici, designers, architetti, stampatori, tipografi, calligrafi e tanti altri.

Ci siamo imbattuti in un progetto fresco e appassionato, fervido di idee e fiducia nel futuro. Proprio quello che ci vuole in questi giorni!

Quindi sfogliamolo insieme e conosciamo ILIT:

Ciao! Chi siete?
Ciao! Io sono Illustratore Italiano aka ILIT, un progetto editoriale indipendente che racconta il mestiere del disegnatore in Italia.

ILITnum0__1
Cosa c’è nel vostro cassetto?
Nel mio cassetto ci sono anni e anni di passione per il disegno, l’editoria e la grafica, un diploma, una laurea, un grande sogno e la determinazione di voler fare.

Qual è la cosa che vi ispira di più?
Per costruirmi ho studiato antenati e parenti stretti, cercando ispirazione nelle riviste dell’ultimo secolo (Il Corriere dei Piccoli, Corto Maltese, Linus) fino ad arrivare ad oggi, con gli esempi più brillanti dell’editoria italiana (IL magazine ad esempio).

ILIT_num2_web2_27

Come è nato il progetto ILLUSTRATORE ITALIANO?
Nasco nel 2014 per raccogliere tutte le informazioni relative al mondo dell’illustrazione in un unico luogo, una pagina facebook. Nel giro di pochissimo tempo ho capito che la strada per crescere era ricca di possibilità e che avevo bisogno di un abito nuovo. Son diventato un blog, perchè il mondo digitale è veloce e raggiunge chiunque, e una rivista trimestrale, bilingue, che è stata pubblicata con il numero uno nel mese di marzo 2016, perchè la carta è il luogo di partenza di ogni disegno.

ILITnum0__2

ILITnum0__3

ILITnum0_
Avete a disposizione degli occhiali per vedere nel futuro, come appare il mondo dell’illustrazione?
Solido e ben radicato. È un mestiere che richiede tanto studio; ha a che fare con la comunicazione e ha la caratteristica unica di saper parlare in modo efficacie a tutte le età, risolvendo un brief per un quotidiano o una narrazione per bambini attraverso un gesto antico e carico di significato.

Domanda banale ma appropriata dato che siamo un Comò, qual è il vostro sogno nel cassetto?
ILIT vorrebbe continuare il proprio lavoro con lo stesso entusiasmo che sta raccogliendo ora e diventare sempre più il magazine per gli illustratori e degli illustratori, ampliando questo luogo di condivisione e scambio. Attraverso tutte le modalità e i linguaggi di questa professione, architetti, designers, stilisti, fumettisti, street artists si ritrovano a dialogare con lo stesso mezzo per raggiungere obiettivi a volte molto lontani tra loro.

Cosa buttereste e cosa invece vorreste avere dentro al cassetto del comò?
Dentro la fiducia e la perseveranza. Fuori nulla, serve anche un briciolo, poco, di paura.

ILIT_num2_web2_16

Cosa fate di BELLO adesso?
Ora leggo il secondo numero, appena uscito, dove racconto quanti modi conosce la matita per narrare. Dal classico racconto illustrato di Fulvia Mosconi e Sergio Ponchione al fumetto a puntate di Martoz (spin off tratto da Crisma), passando per il cinema di animazione di Simone Massi e il silent book di Daniela Iride Murgia. Tra le pagine si nascondono le vicende di tipografia e pin up di Simone Massoni e lo studio del personaggio, curato da Ivan Canu, direttore MiMaster; poi ancora l’enciclopedia del mutevole di Luigi Serafini, il Codex Seraphinianus e un bellissimo reportage di viaggio di Cerveteri, di Graziano Ottaviani, illustratore naturalista per National Geographic.
Questo numero è davvero, davvero, BELLO.

Che progetto avete in cantiere?
A settembre uscirà il terzo numero a cui sto già lavorando e poi una bella sorpresa che vi piacerà di sicuro!

Ci consigliate qualcuno o qualcosa di BELLO?
Animavì, il festival internazionale del cinema di animazione poetico, voluto e organizzato proprio da Simone Massi, che si presenta quest’anno nella sua prima edizione. Dal 14 al 17 luglio a Pergola. Un’ottima scusa per un viaggio nel cuore dell’Italia, sketchbook in mano chiaramente.

ILIT_num2_web2_24

ILIT_num2_web2_6

ILIT è pubblicato da MOM:

Maria La Duca – direzione artistica
Filippo La Duca – progetto grafico

Al nostro fianco gli indispensabili:
Elena Gusperti – traduzioni e rapporti con l’estero (siamo già distribuiti a Berlino!)
Alessandro Carboni – direzione editoriale

Grazie Illustratore Italiano! Vi consiglio caldamente di dare un’occhiata allo shop online proprio QUI, per non perdere nemmeno un’edizione.

(la copertina dell’articolo, nonché la copertina dell’edizione n°2 di ILIT è della bravissima Giulia Sagramola)

Leave a Comment