Consigli per aumentare l’autostima | Cose da Totta

Consigli per aumentare l’autostima | Cose da Totta

 

Io in realtà mica ho capito che cosa è l’autostima. Spesso è quella cosa strana per cui posti una foto con filtro cane su instagram e aspetti di rispondere “Grazie!!11!!1!!1 ” ai messaggi di complimenti…

So solo che è una vita che cerco di raggiungere un livello di sicurezza sufficiente per non andare in iperventilazione ogni volta che mi sento osservata da qualcuno.
Il giudizio degli altri, bel problema.

Chi è che non combatte con la paura di non piacere o di non essere accettato?

Comunque se volete fare un percorso serio per ritrovare la stima di sé andate su un altro magazine perché qui troverete solo imbarazzo e desolazione psicosomatica.

Si, insomma il titolo è un pò pretenzioso ed è solo un tranello, però posso provare a fare del mio meglio per consigliare a chi ha poca autostima a chi NON ha un’autostima come me, alcune soluzioni per sentirsi un pò meglio. Possono essere utili per iniziare ad ignorare ciò che pensano gli altri.

Soluzione 1 – Avete mai visto “Part of me”, il documentario di Katy Perry? Fatelo. Probabilmente non rientra per nulla nei vostri gusti musicali ma questo film sui retroscena del suo tour, è un vero e proprio percorso di analisi personale. Fallimenti, scene tragicomiche, momenti gloriosi ma anche di merda. Tutto questo serve a far capire che a volte, fare schifo, va bene.

Soluzione 2Guardare cose brutte. Dopo aver studiato per bene questa cartella Pinterest che ho creato apposta per voi vi renderete conto di quanto siete belli e fortunati!

Soluzione 3 Trovare il proprio modo di comunicare. Non è uguale per tutti! A volte pensiamo che quel tizio che riesce a padroneggiare il palco sia più sicuro di noi che camminiamo con la testa nascosta tra le spalle. Magari non riusciamo a mettere in fila tre parole, balbettiamo e al pensiero di dire la nostra opinione ci sudano le ascelle, però siamo degli assi nel scrivere una poesia intensa e struggente. Oppure balliamo come Billy Elliot quando fa l’assolo in palestra. Insomma ognuno di noi sa fare qualcosa, che sia suonare uno strumento o cucinare benissimo le polpette. Se questa cosa ci  fa sentire pieni, vivi, e riusciamo a comunicarlo, ecco che forse il timido termometro dell’autostima, sale di qualche tacchetta.

 

 

 

Leave a Comment