A brand new year: la scelta di essere felice

A dispetto del titolo luminoso e vibrante di energia, l’inizio del mio anno è stato disastrosoSottoeffettostono, citando una canzone dei Sottotono. A proposito qualcuno sa che fine ha fatto Tormento?

Ho passato la prima settimana dell’anno crogiolandomi nella depressione che il 2017 mi ha portato in regalo. Pigiamata, fame nervosa, lacrima facile, voglia di fare niente.

Zero voglia di mettermi a fare liste di buoni propositi che puntualmente dopo 7 giorni finiscono nel dimenticatoio.
Zero voglia di essere propositiva, proprio io, fiera sostenitrice del PENSO POSITIVO di Lorenzo.

essere felice

No, questi primi giorni del 2017 ho messo la testa sotto terra come uno struzzo, barricata nella mia comfort zone, non me la sentivo proprio di affrontare l’incombere di trecentosessantacinque lunghissimi giorni. Datemi i miei biscotti e andatevene.

Tutto ciò poi suffragato dalle parole di Branco, che continuavano a risuonarmi in testa: “anno positivo per tutti i segni, tranne per il…rulloditamburi…CANCRO che avrà un inizio anno difficile”. Te pareva? Pure l’astrologia ci si mette. Non basta il mio carattere introverso a rendermi difficile vivere. No, pure le stelle.

essere felice

Ecco allora la svolta. Mi sono svegliata lunedì mattina e ho deciso di essere felice. E qui scatta l’applauso. La scoperta dell’acqua calda, direte voi. Ma è andata proprio in questo modo. “The marvellous thing about happiness is that, in a lot of ways it’s very easy. You can either chose a thought that makes you happy or a thought that makes you anxious, and you can make that choice every moment of every day”. Gala Darling, Radical Self-Love. Semplice da sembrare quasi banale.

Basta tormentarmi l’anima con mille frustrate.
Basta pensare che se solo fossi diversa potrei fare mille cose.
Basta lacrime.
Basta macigni sul cuore che mi impediscono di essere la vera me.

essere felice

Ho capito una cosa, finalmente ci sono arrivata. Bisogna iniziare da dove si è, ora, passo dopo passo. Sganciarsi dal passato, dai ma e dai se, da sovrastrutture che non ci appartengono. È necessario rimettersi al centro della propria vita e amare sé stessi. Quindi ecco, questo è il mio unico semplice proposito, di vita.

 

The Laughing Heart

Your life is your life
don’t let it be clubbed into dank submission.
Be on the watch.
There are ways out.
There is light somewhere.
It may not be much light but
it beats the darkness.
Be on the watch.
The gods will offer you chances.
Know them.
Take them.
You can’t beat death but
you can beat death in life, sometimes.
and the more often you learn to do it,
the more light there will be.
Your life is your life.
Know it while you have it.
You are marvellous
the gods wait to delight
in you.

Charles Bukowski


Fotografia di Beatrice P

Lascia un commento