Cara Moody: il sesso in quarantena?

In questi giorni di quarantena sono cambiati anche i piccoli problemi che caratterizzano la nostra, mai così statica, quotidianità. Moody Jules, però, continua a starvi vicino e, direttamente dal suo divano, legge tutte le mail con richieste di SOS che inviate a moody@comomag.it. Oggi ha deciso di rispondere a BelliFireBelly87 e alla sua richiesta molto attuale: il sesso in quarantena.

La lettera

Buonasera,
chiedo informazioni riguardo alla gestione del sesso (AKA masturbazione ndr.) nello stato di quarantena perenne in cui stiamo vivendo: meglio il sexting o Pornhub Premium? Esistono altri strumenti degni di nota?

BelliFireBelly87

La risposta di Moody

Buongiorno a te,
BelliFireBelly87 (non prenderla a male, ma per comodità da qui in poi ti chiamerò solo Berry). Il tuo dubbio è più che lecito e anzi, grazie per averlo sollevato anche a titolo di tutti i più timidi o, peggio, i moralisti di facciata, che saranno i primi a beccarsi un virus (SUL COMPUTER, s’intende).

Sexting o Pornhub Premium, mi chiedi. Ti dirò Berry, così a bruciapelo: ma perché non tutti e due? Voglio dire, siamo in quarantena, non è certo questo il momento per essere schizzinosi, visto che abbiamo tutto il tempo del mondo. Crepi l’avarizia! Almeno ‘sta soddisfazione ce la dovremmo lasciare, io penso. Però, però, è giusto in fin dei conti farsi un’idea – sempre per via che c’è del tempo da perdere – ed entrare quanto più possibile nel merito della questione.

Partiamo dal primo: il sexting. Questo è quello che, tra i due, ti consiglierei. Frena Berry, lo so che Pornhub è più divertente. So anche che, tra una cosa e l’altra, nel sexting il rischio di infiammare i tendini di entrambi i polsi forse c’è, a un certo punto. Ma tu pensa, comunque, che hai molto più tempo per fare pratica. Chi te lo fa fare, tornato stravolto da lavoro, di metterti lì a scrivere. Sfrutta la tua quarantena in modo costruttivo: applica il cervello, l’immaginazione. ‘Scrittura e seghe’, sarà il manifesto di questa nuova rivoluzione culturale.

Qui però arriva la fregatura, ossia che esiste Pornhub (e pure Premium! Troppo generosi, quasi commovente). Evitando toni nostalgici, parliamoci chiaro ‘video killed the radio star’. Mani libere, sforzo mentale ridotto all’osso e via andare. In più, Wikipedia mi insegna che nel 2020 Pornhub ha annunciato come ‘in fase di sviluppo’ il Wankband. In pratica, un braccialetto che raccoglie l’energia cinetica dalla vostra dedizione alla masturbazione e che poi potete usare per caricare non so, tipo il telefono. RAGAZZI, è il vostro momento: fate quanta più pratica possibile e per quando uscirà sarete pronti a mandare avanti le fabbriche d’Italia! (Ne approfitto per mandare avanti anche un’altra causa, ovvero DARE DEI SOLDI A WIKIPEDIA per tutto quello che ci insegna).

Detto questo, spero di non aver creato ulteriore confusione. T’invito comunque a valutare la combo di tutte e due le possibilità. Che se ci pensi poi, dai video puoi prendere spunti per quando scrivi, in un turbinio di porno che Trentalance al confronto potrebbe aver recitato in ‘Un posto al sole’.

Con l’augurio di tanti sogni erotici,
Moody Jules

Il sesso in quarantena 1000 Moody per essere felice

Manda la tua lettera

Scrivi i tuoi problemi irrisolti a moody@comomag.it oppure lasciaci un messaggio privato su Facebook e Instagram. Puoi scrivere tutto ciò che vuoi, c’è sono solo una regola molto importante: l’anonimato creativo.

Gli altri consigli di Moody

Lascia un commento