Paratissima Art Station: il treno è in partenza e il Comò è già a bordo

Il 23 ottobre parte il treno di Paratissima Art Station, l’Art Fair indipendente di Torino. Noi ci saremo!

Comodino, save the dateDal 23 ottobre all’8 dicembre torna Paratissima. Fatto?
Vuoi sapere dove? All’ARTiglieria – Con/temporary Art Center di Torino, un edificio storico risalente alla seconda metà del XVII secolo, in piazzetta dell’Accademia Militare 3.

Paratissima, l’evento autogestito sull’arte nato nel 2005 e diventato poi Art Fair indipendente, è oggi giunta alla sedicesima edizione e, per festeggiare i suoi super sweet sixteen, si evolve, dilatandosi nel tempo e mutando nella forma.
La fiera coprirà un arco temporale di circa due mesi – a differenza dei canonici cinque giorni – e assumerà le sembianze di una linea metropolitana dell’arte composta da quattro fermate: nascerà così, tra pochissimi giorni, Paratissima Art Station.

Il tema di questa edizione, in netto contrasto con la voce all’altoparlante che riecheggia in ogni stazione, è Cross the Yellow Line.
Paratissima invita quindi i visitatori a oltrepassare la linea gialla, a salire sul treno dell’arte, annullando la distanza che, specie nell’arte contemporanea, si interpone tra il fruitore e l’opera.

Paratissima Art Station Cross the Yellow Line

STOP 1, STOP 2, STOP 3, STOP 4

Il treno di Paratissima Art Station lascerà la stazione dell’ARTiglieria venerdì 23 ottobre alle ore quindici; la prima fermata sarà NICE & FAIR – Contemporary vision.
Nella stazione di NICE & FAIR saranno presenti cinque mostre collettive curate dagli studenti del N.I.C.E., il corso per futuri curatori organizzato da Paratissima.
La stazione chiuderà il 1° novembre.

Il treno di Paratissima riprenderà la corsa il 6 novembre, la quale durerà appena due giorni, fino all’8.
La destinazione sarà la stazione di G@P – Galleries at Paratissima, l’esposizione che avrà come protagoniste quattordici gallerie d’arte italiane.

Il viaggio proseguirà il 13 novembre; sarà un viaggio inteso, alla ricerca del cambiamento, di un futuro migliore.
La fermata, in cui il treno sosterà fino al 22 novembre, è REBIRTHING – Art at restart.

La metà finale di questo tragitto su rotaie verrà raggiunta il 27 novembre. 
La stazione sarà quella di PH.OCUS – About photography. Qui, due mostre e un progetto speciale verteranno sulla fotografia al tempo del lockdown e sul significato della fotografia d’autore.

Paratissima Art Station stop

Comò Mag. a PH.OCUS – About photography

Noi di Comò Mag. saliremo su questo treno chiamato arte: sabato 28 novembre scenderemo alla quarta fermata, PH.OCUS – About photography, alla scoperta dei tre progetti fotografici allestiti in quella che fu la sede della Regia Militare Accademia sabauda.

Dopo la nostra visita a Torino, per un’intera settimana (che possiamo già preannunciare davvero “issima”) vi racconteremo la fiera sul Mag. Lo faremo attraverso i volti e le parole di alcuni dei fotografi di Paratissima, quelli che più hanno catturato la nostra curiosità, che inviteremo a sedere nel nostro salotto virtuale del Comò per una chiacchierata curiosa e informale. Noi non vediamo l’ora di curiosare nei loro cassetti, ma ogni cosa a suo tempo. Per il momento scopriamo meglio i tre progetti in esposizione.

Quarantined – Storie di resistenza e disagio digitale è il progetto che indaga lo spazio virtuale che tutti noi, tra marzo e maggio, abbiamo frequentato per lavorare, cenare in compagnia degli amici e seguire i corsi di scrittura creativa.
Quarantined sarà diviso, come i vagoni di un treno, in tre sezioni: la prima ospita scatti di fotografi selezionati; la seconda raccoglie post, stati e pensieri pubblicati sui social network in quei mesi; la terza, infine, verte su un montaggio di video, sia professionali sia amatoriali, trasmessi durante la quarantena.

Please, stay home è l’esortazione che – simile a quella che nelle stazioni ricorda ai viaggiatori di obliterare il biglietto – ci è stata fatta fin dall’inizio della pandemia.
Rinchiusi tra le mura di casa, gli artisti che qui espongono hanno dato sfogo alla propria creatività, cercando di vincere il tedio che tutti noi abbiamo provato. I foto-progetti di Please, stay home si pongono quindi l’obiettivo di divenire immagini di una memoria collettiva che, forse, stiamo già dimenticando.

Please, take care è un invito rivolto ai fotografi a esplorare ciò che per loro è degno di essere catturato dai loro obiettivi, perciò raccontato e diffuso. Qual è il senso che ognuno di loro attribuisce alle proprie opere e ai soggetti fotografati?Be’, per scoprirlo non ti resta che venire con noi a Paratissima Art Station.
Ci vediamo lì?

Paratissima Art Station fiera bellissima

Lascia un commento