Come si vede la luna da lì, Oscar? | 28 Agosto

image

Apri la lettera precedente

«L’amore? Non so.
Se include tutto,
anche le contraddizioni
e i superamenti di sé stessi,
le aberrazioni e
l’indicibile,
allora sì, vada per l’amore.
Altrimenti, no».

Oppure semplicemente sì, Oscar. L’amore non è cosa mia, che non sono capace, che faccio tanta fatica, che mi arrampico a tutti gli specchi e a tutte labbra, che scivolo se mi aggrappo alle cose ferme e stabili.

Qui c’è poca sabbia e la penna si muove sul foglio per inerzia. L’odore di Lisbona è un buon odore, ma non è abbastanza, perché preferisco rimanere scalza sui sassi e i viaggi in treno mi fanno venire la nausea, e ancora, perché sono senza dubbio una pessima romantica.
L’ultima lettera che mi hai spedito è piena di frustrazione, l’ho letta per rispetto e con buona dose di curiosità femmina, ma non ci ho trovato nulla e sono arrivata all’ultima parola con disappunto.

Avrai riempito certamente troppi bicchieri con la tua caparbia ladra, e con il tuo bisogno di bordi e sponde (ti sei mai chiesto se esiste solo il fiume? Me lo ha suggerito Tabucchi). Sfila il laccetto di un altro corpetto, cerca di scoprire con le mani la consistenza di una nuova pelle, sii curioso del tessuto sotto la gonna, e della storia di un qualsiasi Babbo Natale in strada. Saziati delle birre fresche nei boccali vecchi. E delle risate, Oscar, che quando si ride tanto forte fino ai dolori addominali, si finisce per sperare che sia per sempre, ma non ci si rammarica mai di quanto poco sia durato.
Mi sono certamente innamorata di te.

Anche di te, come di ciascuno. Come fare a negare che vi ho amati tutti? L’errore più grande, l’intoppo che vi inceppa, ciò che vi rende poi profondamente infelici, pesci che non galleggiano nel dissidio continuo tra realtà e aspettative, è la ricerca del nome e dell’esclusività.
E’ così piccola, una briciola, questa mia saggezza; forse per questo, difficile da catturare e trattenere.
Il fado portoghese? Hai sciolto un’aspirina in un bicchiere di cognac.

Ti saluto caramente.

Niside

P.S: come si vede la luna da lì?

Apri la lettera successiva

nessunoscrive

Lascia un commento